Borse, l’Europa rimbalza in scia ai record di Wall Street. A Milano brillano le banche

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Le Borse europee si muovono in territorio positivo e tentano di consolidare i rialzi della vigilia, in scia ai nuovi record messi a segno dagli indici di Wall Street grazie alla corsa del comparto tecnologico. A tranquillizzare i mercati, dopo lo shock della scorsa settimana, da un lato le rassicurazioni di Marine Le Pen che ha affermato di voler lavorare con il presidente Macron se dovesse vincere le imminenti elezioni francesi con il Rassemblement National. Dall’altro le parole della presidente della Bce, Christine Lagarde, che ha sottolineato come che l’Eurotower è attenta al corretto funzionamento dei mercati. Sullo sfondo da registrare lo stallo che si è registrato nella notte a Bruxelles per quanto riguarda le nomine europee per il prossimo quinquennio, rimandate alla prossima settimana. Sul fronte macro, nel pomeriggio sono attesi i dati sulle vendite al dettaglio americani.

In questo contesto, il FTSE MIB di Milano si muove in territorio positivo, con il comparto bancario in luce. Su un livello simile il CAC 40 di Parigi, il DAX 30 di Francoforte, l’IBEX 35 di Maderid, il FT-SE 100 di Londra e l’AEX di Amsterdam.

St e recordati corrono a Piazza Affari, giù il lusso

Acquisti anche su Stmicroelectronics con la promozione di Goldman Sachs e in scia al comparto tech statunitense. La casa d’affari ha alzato il giudizio sul titolo da Sell a Neutral «in seguito al miglioramento della dinamica della domanda e alla sottoperformance del prezzo delle azioni». Prosegue il rimbalzo di Leonardo – Finmeccanica e Recordati è tonico sull’ipotesi di cambiamenti nell’azionariato che riguardano la quota di Cvc. Soffre il lusso con Moncler e Brunello Cucinelli in fondo al listino.

Brilla il comparto bancario con lo sprint di Unicredit

Bene il comparto bancario e, in particolare, Unicredit . A sostenere il titolo l’annuncio di ieri che la banca guidata da Andrea Orcel rispetta i requisiti Mrel ricevuti dal Single Resolution Board, che «confermano l’eccellente posizione patrimoniale della banca». Nel dettaglio i coefficienti Mrel di Unicredit al 31 marzo 2024 risultano pari al 32,81% dei risk-weighted assets, e al 10,16% della leverage ratio exposure. Alla stessa data, i coefficienti di Mrel subordinato erano pari, rispettivamente, al 24,23% e al 7,50%. In generale continua ad essere tonico il comparto bancario con Intesa Sanpaolo, Banca Pop Er e Banca Pop Sondr. Le due partecipate di Unipol sono sotto i riflettori con il ritorno d’attualità dei ragionamenti su futuri consolidamenti nel settore del credito e sul dossier del Banca Mps .

Petrolio piatto, euro stabile

Sul valutario, stabile il cambio euro/dollaro è stabile intorno a quota 1,07 (1,072 della vigilia). Piatto il prezzo del petrolio, con il Brent agosto attorno agli 84 dollari al barile e il Wti luglio che punta a 80. Poco mosso anche il gas ad Amsterdam che oscilla attorno ai 34 dollari.

Source link