Francia, Bardella surclassa Macron e chiede elezioni anticipate

Rassemblement national in testa, testa a testa tra macroniani e socialisti. I primi sondaggi – delle 20 – sulle elezioni europee in Francia, mostra il partito di Marine Le Pen, affidato a Jordan Bardella, primo con il 32,4%. Avrebbe preso più del doppio dei voti della Renaissance, guidata da Valérie Hayer, che è accreditata con il 15,2%; e ha quindi immediatamente chiesto nuove elezioni legislative. Il Parti Socialiste, con il capolista Raphael Glucksmann, riceve un 14,3%. A seguire La France Insoumise, della sinistra radicale, riceve un 8,3% e Les Républicains, eredi della tradizione neogollista, il 7%. I risultati sono in linea con la tendenza mostrata dai sondaggi della vigilia.

Le differenze con il voto del 2019 sono importanti: cinque anni fa il Rassemblement nationale, guidato dall’allora 23enne Bardella, aveva ottenuto il 23,3% dei voti, mentre i macroniani erano secondo con il 22,5%. Il partito socialista era riuscito a ottenere soltanto il 6,2%, con una coalizione più ampia dell’attuale, che si allarga al solo Place Publique di Glucksmann. I Républicains, in quella che era apparsa una grande sconfitta, attribuita alla scelta di adottare alcuni temi della destra populista, avevano ottenuto l’8,48%. Il terzo partito era risultato, a sorpresa Europe Ecologie con il 13,48%. Quest’anno i verdi guidati da Marie Toussaint si sarebbe fermata al 5,6%.

Source link