Uk, Starmer conferma: «Il piano Ruanda è morto e sepolto»

Il controverso “piano Ruanda”, concepito dei governi Tory a scopo dichiaratamente dissuasivo contro l’immigrazione illegale, «è morto e sepolto». Lo ha confermato il nuovo premier laburista Keir Starmer nella prima conferenza stampa seguita al consiglio dei ministri odierno d’esordio, ribadendo tuttavia l’impegno a contrastare con strumenti diversi gli sbarchi ’clandestini’.

Quanto alla politica estera, Starmer ha sottolineato di aver avviato fin da ieri contatti con vari leader stranieri, a cominciare da «Joe Biden e Volodymyr Zelensky» (e tra i primissimi anche Giorgia Meloni), insistendo sul suo approccio moderato e di sostanziale continuità sui principali dossier internazionali: in primis il sostegno, anche militare, a Kiev, che «proseguirà» come prima. Ha quindi ricordato che la settimana prossima sarà a Washington per il vertice Nato e ha indicato «la sicurezza e la difesa» come il «primo dovere» del governo a livello di relazioni internazionali.

Source link